Assisi for Peace

Lo sport per migliorare la vita dei giovani.

Un progetto coraggioso e innovativo per l’integrazione giovanile che parte dall’idea che “condividere” lo spirito della squadra sportiva, possa dare nuova linfa alla società.

Il cuore è importante.

Giorgio Gasparrini

imprenditore e filantropo da sempre impegnato nel sociale, soprattutto nel territorio Assisano.
La sua passione per lo sport nasce nel mondo del basket e poi si trasferisce nel calcio.
Così tanto, da farlo poi divenire massimo promotore tra i giovanissimi e che in seguito lo ha ispirato nel comprendere che non c’è miglior modo di poter aiutare i ragazzi se non facendoli partecipare ad attività di squadra sul campo.
Da questa intuizione nasce Assisi For Peace, un progetto ambizioso che tende a dare questa possibilità ai meno fortunati.

Calcio

Rugby

Basket

Volley

Perché...

Uniti si Cresce, In Squadra si vince!

Condividi et Impera

Condividi il nostro progetto!

Social Media​​

Condividi il nostro progetto, sulle tue pagine Social!

Redazionali

Intervistaci e dacci modo di esporre le nostre idee!

Dona

Ogni donazione per noi e per i nostri ragazzi è fondamentale.

Idee

Siamo sempre pronti a parlare e applicare nuove idee, raccontaci la tua.

Immagina

Se Assisi For Peace ti ha ispirato, dai nuova linfa alla tua immaginazione.

Cancella Ogni dubbio

Spesso si hanno opinioni sbagliati dei progetti sociali, cancella i tuoi chiedendoci ciò che vuoi.

Lasciati Ispirare

il cuore...

Social

News

Aggiornamenti in tempo reale dai nostri canali social:

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

This message is only visible to admins:
Problem displaying Facebook posts. Backup cache in use.

Error: Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.
Type: OAuthException
Click here to Troubleshoot.

In occasione del Giro d’Italia 2018, Assisi for Peace omaggia Gino Bartali, sportivo di fama internazionale, vincitore di ben tre edizioni della competizione ciclistica, nonché Giusto tra le Nazioni per l’opera di pace compiuta in occasione della seconda guerra mondiale.

“Bartali è un eroe di sport e di pace” sottolinea Giorgio Gasparrini di Assisi for Peace “la Città di Assisi è stata spesso tappa di arrivo e partenza del tragitto che lo sportivo ha compiuto, con generosità e riservatezza, per la salvezza di tante vite umane. Il ricordo di questo legame speciale fra Bartali e Assisi è celebrato presso il Museo della Memoria, che proprio il 16 maggio, giorno della partenza del Giro d’Italia 2018 da Assisi, rinnova la propria significativa presenza ospitando Gioia e Stella Bartali, nipoti del ciclista. Per Assisi for Peace Gino Bartali è esempio concreto di come lo sport sia importante strumento di trasmissione di valori, soprattutto fra i giovani, contribuendo in modo determinante alla crescita dell’individuo nella società”.

Assisi for Peace partecipa alle iniziative messe in campo in occasione del passaggio del Giro d’Italia 2018 presso la Città di Assisi. Per le intere giornate di venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 maggio sarà possibile effettuare gratuitamente delle piccole escursioni nel centro storico della Città di Assisi in sella a biciclette elettriche con pedalata assistita.

“Si tratta di un’iniziativa che vuole suggerire come anche lo sport sia veicolo di promozione del territorio” sottolinea Gasparrini di Assisi for Peace “la presenza del Giro d’Italia ci offre lo spunto per proporre la scoperta della Città di Assisi partendo dal racconto di una storia straordinaria e un punto di vista originale, quelli di Bartali. Gli amanti della bicicletta, anche coloro che preferiscono il supporto del motore elettrico in pieno rispetto ambientale, possono visitare i luoghi della memoria della nostra città, esplorando percorsi ispirati alla cultura dello sport e della pace”.

Per ricevere maggiori informazioni o prenotare un’escursione gratuita è possibile contattare il 334 3954324 o la pagina facebook Assisi for Peace.
See MoreSee Less

In occasione del Giro d’Italia 2018, Assisi for Peace omaggia Gino Bartali, sportivo di fama internazionale, vincitore di ben tre edizioni della competizione ciclistica, nonché Giusto tra le Nazioni per l’opera di pace compiuta in occasione della seconda guerra mondiale. 

“Bartali è un eroe di sport e di pace” sottolinea Giorgio Gasparrini di Assisi for Peace “la Città di Assisi è stata spesso tappa di arrivo e partenza del tragitto che lo sportivo ha compiuto, con generosità e riservatezza, per la salvezza di tante vite umane. Il ricordo di questo legame speciale fra Bartali e Assisi è celebrato presso il Museo della Memoria, che proprio il 16 maggio, giorno della partenza del Giro d’Italia 2018 da Assisi, rinnova la propria significativa presenza ospitando Gioia e Stella Bartali, nipoti del ciclista. Per Assisi for Peace Gino Bartali è esempio concreto di come lo sport sia importante strumento di trasmissione di valori, soprattutto fra i giovani, contribuendo in modo determinante alla crescita dell’individuo nella società”. 

Assisi for Peace partecipa alle iniziative messe in campo in occasione del passaggio del Giro d’Italia 2018 presso la Città di Assisi. Per le intere giornate di venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 maggio sarà possibile effettuare gratuitamente delle piccole escursioni nel centro storico della Città di Assisi in sella a biciclette elettriche con pedalata assistita. 

“Si tratta di un’iniziativa che vuole suggerire come anche lo sport sia veicolo di promozione del territorio” sottolinea Gasparrini di Assisi for Peace “la presenza del Giro d’Italia ci offre lo spunto per proporre la scoperta della Città di Assisi partendo dal racconto di una storia straordinaria e un punto di vista originale, quelli di Bartali. Gli amanti della bicicletta, anche coloro che preferiscono il supporto del motore elettrico in pieno rispetto ambientale, possono visitare i luoghi della memoria della nostra città, esplorando percorsi ispirati alla cultura dello sport e della pace”. 

Per ricevere maggiori informazioni o prenotare un’escursione gratuita è possibile contattare il 334 3954324 o la pagina facebook Assisi for Peace.

In occasione del Giro d’Italia 2018, Assisi for Peace omaggia Gino Bartali, sportivo di fama internazionale, vincitore di ben tre edizioni della competizione ciclistica, nonché Giusto tra le Nazioni per l’opera di pace compiuta in occasione della seconda guerra mondiale.

“Bartali è un eroe di sport e di pace” sottolinea Giorgio Gasparrini di Assisi for Peace “la Città di Assisi è stata spesso tappa di arrivo e partenza del tragitto che lo sportivo ha compiuto, con generosità e riservatezza, per la salvezza di tante vite umane. Il ricordo di questo legame speciale fra Bartali e Assisi è celebrato presso il Museo della Memoria, che proprio il 16 maggio, giorno della partenza del Giro d’Italia 2018 da Assisi, rinnova la propria significativa presenza ospitando Gioia e Stella Bartali, nipoti del ciclista. Per Assisi for Peace Gino Bartali è esempio concreto di come lo sport sia importante strumento di trasmissione di valori, soprattutto fra i giovani, contribuendo in modo determinante alla crescita dell’individuo nella società”.

Assisi for Peace partecipa alle iniziative messe in campo in occasione del passaggio del Giro d’Italia 2018 presso la Città di Assisi. Per le intere giornate di venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 maggio sarà possibile effettuare gratuitamente delle piccole escursioni nel centro storico della Città di Assisi in sella a biciclette elettriche con pedalata assistita.

“Si tratta di un’iniziativa che vuole suggerire come anche lo sport sia veicolo di promozione del territorio” sottolinea Gasparrini di Assisi for Peace “la presenza del Giro d’Italia ci offre lo spunto per proporre la scoperta della Città di Assisi partendo dal racconto di una storia straordinaria e un punto di vista originale, quelli di Bartali. Gli amanti della bicicletta, anche coloro che preferiscono il supporto del motore elettrico in pieno rispetto ambientale, possono visitare i luoghi della memoria della nostra città, esplorando percorsi ispirati alla cultura dello sport e della pace”.

Per ricevere maggiori informazioni o prenotare un’escursione gratuita è possibile contattare il 334 3954324 o la pagina facebook Assisi for Peace.
See MoreSee Less

In occasione del Giro d’Italia 2018, Assisi for Peace omaggia Gino Bartali, sportivo di fama internazionale, vincitore di ben tre edizioni della competizione ciclistica, nonché Giusto tra le Nazioni per l’opera di pace compiuta in occasione della seconda guerra mondiale. 

“Bartali è un eroe di sport e di pace” sottolinea Giorgio Gasparrini di Assisi for Peace “la Città di Assisi è stata spesso tappa di arrivo e partenza del tragitto che lo sportivo ha compiuto, con generosità e riservatezza, per la salvezza di tante vite umane. Il ricordo di questo legame speciale fra Bartali e Assisi è celebrato presso il Museo della Memoria, che proprio il 16 maggio, giorno della partenza del Giro d’Italia 2018 da Assisi, rinnova la propria significativa presenza ospitando Gioia e Stella Bartali, nipoti del ciclista. Per Assisi for Peace Gino Bartali è esempio concreto di come lo sport sia importante strumento di trasmissione di valori, soprattutto fra i giovani, contribuendo in modo determinante alla crescita dell’individuo nella società”. 

Assisi for Peace partecipa alle iniziative messe in campo in occasione del passaggio del Giro d’Italia 2018 presso la Città di Assisi. Per le intere giornate di venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 maggio sarà possibile effettuare gratuitamente delle piccole escursioni nel centro storico della Città di Assisi in sella a biciclette elettriche con pedalata assistita. 

“Si tratta di un’iniziativa che vuole suggerire come anche lo sport sia veicolo di promozione del territorio” sottolinea Gasparrini di Assisi for Peace “la presenza del Giro d’Italia ci offre lo spunto per proporre la scoperta della Città di Assisi partendo dal racconto di una storia straordinaria e un punto di vista originale, quelli di Bartali. Gli amanti della bicicletta, anche coloro che preferiscono il supporto del motore elettrico in pieno rispetto ambientale, possono visitare i luoghi della memoria della nostra città, esplorando percorsi ispirati alla cultura dello sport e della pace”. 

Per ricevere maggiori informazioni o prenotare un’escursione gratuita è possibile contattare il 334 3954324 o la pagina facebook Assisi for Peace.
#workinprogress #waitingfor #tour #giroditalia #giroditalia2018 #bicicletta #bici #bike #bikelife #instabike #sport #sportbike #sportlife #race #competition #values #memory #gino #ginobartali #bartali #giusto #giustofralenazioni #assisi #stfrancisofassisi #saintfrancisofassisi #francisofassisi #visitassisi #umbria #umbriagram #umbriatourism


Effettua una donazione

Supporta il nostro progetto effettuando una donazione tramite Paypal. iIl tuo nome verrà inserito nella nostra "Thank you page" dei sostenitori!

Maxi-Bonus Fiscali per Privati e Aziende che fanno donazioni di beni al non profit.

fonte: sole24ore.com

Cosa vuol dire

DONARE

E’ giusto spiegare come e perché la donazione oltre che essere uno strumento di supporto a progetti come il nostro è anche una fonte di “detrazione” per il donatore.
Ecco delle semplici informazioni atte a dare un quadro di insieme.

Le erogazioni liberali, più semplicemente dette donazioni sono una delle modalità con cui l’ente di terzo settore (Ets) può raccogliere fondi o beni in natura da destinare alle proprie attività di interesse generale.

Ai sensi del codice civile, si ha donazione quando una parte (donante), per spirito di liberalità, arricchisce l’altra (donatario), disponendo a favore di questa di un suo diritto o assumendo verso la stessa una obbligazione. Quindi non deve esserci uno scambio, bensì una volontà da parte di uno di compiere un atto di generosità nei confronti dell’altro.

Il codice del terzo settore introduce detrazioni e deduzioni per coloro che effettuano erogazioni liberali a favore degli Ets. La detrazione aumenta se l’erogazione è fatta a favore di organizzazioni di volontariato (Odv).

Le donazioni possono essere sia in denaro che in natura; questo secondo caso è disciplinato dal dm del 23/11/2019 “Erogazioni liberali in natura a favore degli enti del Terzo settore”.

Le donazioni non costituiscono reddito per gli Ets e non entrano nel calcolo della determinazione della qualifica fiscale dell’ente, in quanto considerate sempre entrate di natura non commerciale.

Si considerano altresì entrate derivanti da attività non commerciali i contributi, le sovvenzioni, le liberalità, le quote associative dell’ente e ogni altra entrata assimilabile. Si considerano, invece, attività di natura commerciale le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate verso pagamento di corrispettivi specifici.

ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO
Le organizzazioni di volontariato possono trarre le risorse economiche necessarie al loro funzionamento e allo svolgimento della propria attività da fonti diverse, quali quote associative, contributi pubblici e privati, donazioni e lasciti testamentari, rendite patrimoniali e attività di raccolta fondi nonché delle attività secondarie e strumentali diverse da quelle di interesse generale.

Per l’attività di interesse generale prestata le organizzazioni di volontariato possono ricevere soltanto il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate.

ENTI FILANTROPICI
Gli enti filantropici traggono le risorse economiche necessarie allo svolgimento della propria attività principalmente da contributi pubblici e privati, donazioni e lasciti testamentari, rendite patrimoniali ed attività di raccolta fondi.

Gli atti costitutivi degli enti filantropici indicano i principi ai quali essi devono attenersi in merito alla gestione del patrimonio, alla raccolta di fondi e risorse in genere, alla destinazione, alle modalità di erogazione di denaro, beni o servizi.

DETRAZIONI / DEDUZIONI

Le erogazioni liberali effettuate a favore degli enti del terzo settore che vengono utilizzate per lo svolgimento dell’attività statutaria ai fini dell’esclusivo perseguimento di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, sono detraibili o deducibili dalle imposte sui redditi, con modalità diverse a seconda del soggetto erogatore e dell’ente percipiente.

La detraibilità interviene sull’imposte: si procede attraverso la sottrazione di una quota parte dell’importo erogato a titolo di liberalità dall’imposta sui redditi da versare. Per cui una volta determinata l’imposta sul reddito imponibile, si sottrae dalla stessa una somma pari alla quota parte dell’erogazione liberale effettuata.

La deducibilità interviene sul reddito: si procede attraverso la sottrazione dell’importo erogato direttamente dal reddito fiscalmente imponibile del soggetto erogatore. Per cui il reddito tassato sarà costituito dalla somma dei redditi di diversa natura percepiti nell’anno, e a quest’ultimo importo si andranno a sottrarre le erogazioni liberali effettuate, le quali pertanto andranno a diminuire la base imponibile fiscale.

Per quanto riguarda le erogazioni effettuate da persone fisiche, la riforma prevede la possibilità di deduzione dal reddito o di detrazione dall’imposta, ma con modalità e a condizioni differenti:

Nel caso in cui il donatore “persona fisica” opti per la detrazione dall’imposta della donazione effettuata all’Ets, tale detrazione ammonterà al 30% dell’importo della donazione stessa. Tale importo è aumentato al 35% laddove la donazione sia effettuata a favore di una organizzazione di volontariato (Odv). L’erogazione in oggetto può essere in denaro o in natura. Per quelle in denaro, la condizione per la detrazione è l’effettuazione della donazione attraverso banche, uffici postali ovvero altri sistemi che permettano la sua tracciabilità. E’ comunque previsto un limite: l’imposta non può essere ridotta di oltre i 30.000 euro annui.
Nel caso in cui, invece l’opzione il donatore “persona fisica” opti per la deducibilità della donazione – in denaro o in natura – l’importo deducibile della donazione sarà al massimo pari al 10% del reddito complessivo, qualunque sia il suo importo. Qualora la deduzione sia di ammontare superiore al reddito complessivo dichiarato, diminuito di tutte le deduzioni, non oltre ¼ dell’eccedenza può essere computata negli anni successivi.

Per quanto riguarda le erogazioni effettuate, invece, da enti e società, per esse è prevista la sola possibilità di deduzione dal reddito imponibile, nel medesimo limite del 10% previsto per le persone fisiche. Quanto scritto a proposito della possibilità di deduzione dell’eccedenza nei periodi successivi vale anche per le società e gli enti. Per quanto riguarda il beni donati che danno diritto alla deduzione, si è in attesa dell’emanazione di un decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, che dovrà individuare sia la tipologia di tali beni, che la modalità della loro valorizzazione.

Contattaci

Saremo lieti di darti le risposte che cerchi!

Chiamaci, Scrivici, o bussa alla nostra porta

Siamo sempre pronti a risponderti

La curiosità è ciò che ci ha spinti nel primo passo, la costanza è ciò che tiene in piedi il nostro progetto, il coraggio è quella di cercare di diffonderlo.
Aiutaci anche tu!

Dove trovarci

Ti offriremo un caffè!

Chiamaci

+39 329 634 3218

Incontraci

Via Patrono d’Italia, n. 96 Assisi - (PG) - Italia

Scrivici

info@assisiforpeace.com